Prevenzione Carcinoma del Colon

RESPONSABILE del SETTORE
Dr. Marco Varelli
Medico Chirurgo specializzato in Biochimica Clinica
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Per Maggiori informazioni Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


Informazioni sulle Prestazioni
Prestazione Giorni di esecuzione Tempo medio di attesa Prenotazione
Mutuabile
Ricerca sangue occulto feci Dal Lunedì al Sabato 1 giorno Non Necessaria
SI
Colonscopia Virtuale Martedì e Giovedì 5 giorni Necessaria NO
Endoscopia Digestiva Martedì 1 settimana Necessaria NO

Le diverse abitudini alimentari e l’allungamento dell’età media hanno fatto si che il carcinoma del colon sia il tumore di più frequente insorgenza e il secondo per mortalità.
I programmi di screening sono quindi tesi all’individuazione delle lesioni precancerose.
Il rischio cumulativo in pazienti asintomatici è del 6%, ma aumenta con l’età.
RISCHIO, normalizzato per età, di sviluppare il carcinoma del colon in 5 anni.

Età prossimi cinque anni
40 Anni
1/1200
50 Anni 1/300
60 Anni 1/100
70 Anni 1/65
Le caratteristiche fisiopatologiche dell’insorgenza del tumore del colon-retto sono tali che l’attuazione di programmi di screening si sia rilevata di grande efficacia: l’esistenza, infatti, di una lesione precancerosa, nel 97% dei casi rappresentata da un adenoma, da cui deriva il tumore, fa si che il riconoscimento e la rimozione della lesione adenomatosa interrompa la sequenza adenoma-carcinoma.
È stata dimostrata una componente genetica nello sviluppo del carcinoma per cui il rischio di sviluppare carcinoma del colon retto (CCR) aumenta in alcune condizioni:
  • Familiare di primo grado con CCR
    rischio aumentato 2 volte;
  • Familiari primo grado con CCR
    rischio aumentato di 4 volte;
Alcune patologie inoltre aumentano le probabilità di sviluppo carcinoma:
  • Rettocolite Ulcerosa > 30% ;
  • Morbo di Chron > 5-10%;
  • Poliposi Adenomatosa Familiare 100%;
  • HNPCC > 80%.
L’adesione a programmi di screening è l’unica possibilità per giungere ad una diagnosi precoce del tumore.
Le casistiche dimostrano inconfutabilmente che lo screening per il tumore al collo dell’utero è in grado di ridurre l'incidenza e la mortalità per questa neoplasia.
Uno screening regolare è l'unica arma che le donne hanno a disposizione contro il tumore.
Protocolli da utilizzare in pazienti a rischio generico di età superiore ai 50 anni
  • Esecuzione ricerca sangue  occulto con Colonscopia Endoscopica / Colonscopia Virtuale.
Istituto Diagnostico Varelli S.r.l.
Via Cornelia dei Gracchi, 65 - 80126 Napoli - Segreteria Pazienti 081 767.22.02 | Fax 081 715.97.21