news    -        -  - -

Valutazione Infettivologica

Per maggiori informazioni
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Informazioni sulle Prestazioni
Prestazione Giorni di esecuzione Tempo medio di attesa Prenotazione Mutuabile
Tampone Vaginale
per ricerche colturali e molecolari
Dal Lunedì al Sabato nessuna attesa NON Necessaria SI

La valutazione infettivologica è di fondamentale importanza per una corretta valutazione della propria salute; inoltre permette una facile prevenzione di tutte quelle malattie infettive e patologie veneree che possono rendersi responsabili di sequele gravi quali, sterilità, gravidanze ectopiche, aborti, moratalità perinatale e rischio di coinvoglimento di altri organi.

Prestazioni da eseguire nella donna:

  • Tampone vaginale con antibiogramma

Ricerca molecolare per:

  • HPV;
  • Chlamydia trachomatis;
  • Ureaplasma urealiticumum;
  • Ureaplasmma genitalium;
  • Neisseria gonorrhoeae (Gonorrea).
Molte infezioni, poi, in quanto silenziose possono diventare croniche. Le conseguenze non sono da sottovalutare: le tube uterine possono ostruirsi e l’utero diventare un ambiente poco favorevole all’insediamento dell’ovulo.

Scopo dell' esame


Tampone Vaginale con Antibiogramma

Il tampone vaginale è un esame specifico che permette di curare disturbi vaginali ed evita l'insorgenza di malattie più serie a carico dell'apparato genitale femminile.
Il prelievo, estremamente semplice, necessita di una piccola quantità di secrezione vaginale che, analizzata al microscopio, verifica la presenza o meno di microrganismi quali batteri, funghi o parassiti, che con la loro presenza favoriscono l’insorgenza di infezioni.
Tali infezioni, se trascurate, comportano diversi problemi per la salute della donna.
Spesso i germi proliferano indisturbati all’interno della vagina anche perchè la donna non avverte alcun sintomo.
Di solito, il prelievo vaginale è immerso in una sostanza liquida o gelatinosa, dove sono presenti diversi elementi nutritivi per i microrganismi.
Se sono presenti uno o più batteri, aiutati dagli elementi nutritivi, avranno la possibilità crescere e proliferare fino a formare una vera e propria colonia batterica visibile al microscopio. A questo punto, si procede con l’antibiogramma: i microrganismi individuati sono “aggrediti” da una serie di antibiotici, al fine di selezionare quello più efficace per curare l’infezione.
Solo dopo aver individuato con precisione il microrganismo responsabile dell’infezione, infatti, il ginecologo è in grado di prescrivere una cura efficace (antibiotici o antimicotici).
Il tampone è altresì indicato alle donne che non riescono ad avere figli: con quest’esame si riesce a scoprire la clamidia, insidioso e diffuso microrganismo responsabile d’infezioni delle tube e quindi di sterilità. A rischio, anche, le donne che usano i tamponi interni: se lasciati per molto tempo in vagina, favoriscono la proliferazione dei germi e quindi le infezioni.